"Cose scavate"
Vera Lúcia de Oliveira (Maccheani)
Graphos, Città di Castello (PG), 1991
silloge vincitrice (insieme ad altre)
del
   «Premio Nazionale di Poesia
 "Sandro Penna",
 III Edizione 1988
»

Centro Universitario Neruda

Perugia

 

Perugia, 10 dicembre 1988

 

 Premio "Sandro Penna" 1988 (foto Claudio Maccherani)

 Premio "Sandro Penna" 1988, la giuria e il presidente Elio Pecora  (foto Claudio Maccherani)

 Premio "Sandro Penna" 1988, Vera  (foto Claudio Maccherani)

 Premio "Sandro Penna" 1988, Vera  (foto Claudio Maccherani)


 Premio "Sandro Penna" 1988, Vera  (foto Claudio Maccherani)

 Premio "Sandro Penna" 1988, Vera  (foto Claudio Maccherani)

 Premio "Sandro Penna" 1988, Vera  (foto Claudio Maccherani)

 

Terza edizione del Premio Nazionale di Poesia "Sandro Penna"


Centro Universitario Neruda, Perugia, 1988

 

"Cose scavate", di Vera Lúcia de Oliveira


silloge vincitrice, insieme ad altre, del Premio "Sandro Penna 1988"

 

le sillogi vincitrici sono state pubblicate in volume nel 1991 dalla casa editrice Graphos di Città di Castello di Perugia:

 

  1. Elisa Fiori;

  2. Stefano Giometti; "Migrazioni di fine estate";

  3. Vera Lúcia de Oliveira; "Cose scavate";

  4. Emanuele Ocelli, "Il poeta, la vecchia, il mondo";

  5. Brunella Bruschi, "Pseudomini ragguagli".

 

Perugia, 10 dicembre 1988       

 


serigrafia di Folichetti

Indietro   

(by Claudio Maccherani )